Via San Donato, 38
40127 BOLOGNA
Tel. 051.24.40.90

S.Messe

Domenica: ore 9 e 11
Lunedì: ore 7 e 18.30
Martedì: ore 7 e 18.30
Mercoledì: ore 7 e 18.30
Giovedì: ore 18.30
Venerdì: ore 18.30
Sabato e prefestivi: ore 18.30

Confessioni

Su appuntamento oppure prima o dopo le Messe

Offerte

È possibile sostenere la Parrocchia nelle sue necessità ed attività con un'offerta tramite versamento su:
- CC bancario IBAN: IT 63 W 02008 02466 000001501974
Per maggiori informazioni...

Programma liturgico dal 22 al 29 Marzo 2015

Domenica 22 Marzo,
V di Quaresima
6.30 Ufficio delle letture, 8 Lodi, 9.30 Adorazione eucaristica,
11 Messa, 17.30 Rosario, 17.55 Secondi Vespri,
18.30 Messa.
Lunedì 23 Marzo 7 Lodi, 17.30 Rosario, 17.55 Vespri,
18.30 Messa, 19.15 Lectio Divina.
Martedì 24 Marzo 7 Lodi, 17.30 Rosario, 17.55 Vespri,
18.30 Messa prefestiva, 19.15 Lectio Divina.
Mercoledì 25 Marzo,
Annunciazione del Signore
7 Lodi, 17.30 Rosario, 17.55 Vespri,
18.30 Messa prefestiva, 19.15 Lectio Divina.
Giovedì 26 Marzo 7 Lodi, 17.30 Rosario, 17.55 Vespri,
18.30 Messa, 19.15 Lectio Divina.
Venerdì 27 Marzo 7 Lodi, 15.30 Via Crucis.La Stazione quaresimale della Zona Pastorale S. Donato si svolge a S. Vincenzo de’ Paoli: 18 Confessioni,
18.30 Messa presieduta da mons. Giovanni Silvagni, Vicario Generale. Sono particolarmente invitate le famiglie. Dopo la Messa ed una cena frugale (ciascuno porti qualcosa da condividere) la dott. Elisabetta Gandolfi, giornalista della Rivista il Regno, parlerà dei temi affrontati nel Sinodo sulla Famiglia del 2014 e dei nuovi temi da affrontare nel prossimo Sinodo di quest’anno.
Sabato 28 Marzo alle 16 la Corale di S. Egidio eseguirà «Le ultime sette parole di Cristo in Croce», oratorio del compositore Cèsar Franck (1859) come momento di raccoglimento, meditazione e introduzione alla Settimana Santa, 17.30 Rosario, 17.55 Primi Vespri,
18.30 Messa prefestiva.
Domenica 29 Marzo,
Le Palme
6.30 Ufficio delle letture, 8 Lodi,
9.30 Messa, 17.30 Rosario, 17.55 Secondi Vespri,
18.30 Messa.

 

Avvisi

 

Da Sabato 21 Febbraio a Sabato 6 Giugno si svolge il VII Laboratorio di Iconografia.

Venerdì 13 Marzo il Papa Francesco ha indetto con le seguenti parole un Anno Santo: «Ho deciso di indire un Giubileo straordinario che abbia al suo centro la misericordia di Dio. Sarà un Anno Santo della Misericordia. Lo vogliamo vivere alla luce della parola del Signore: “Siate misericordiosi come il Padre”. Questo Anno Santo inizierà nella prossima solennità dell’Immacolata Concezione e si concluderà il 20 novembre del 2016, Domenica di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’universo e volto vivo della misericordia del Padre».

Martedì 24 Marzo alle 21 Lectio Divina dell’ultima settimana.

Mercoledì 25 Marzo alle 21 Incontro con d. Nildo sulla Dei Verbum.

Domenica 29 Marzo la Liturgia delle Palme sarà alle ore 9.30. Alla fine della Messa, intorno alle 11, bambini e ragazzi porteranno quest’anno un rametto di ulivo come augurio della pace pasquale nelle case di Via Cencetti, Via Fasoli e Piazza La Veneta, dove si trovano nuovi parrocchiani venuti ad abitare nel territorio della nostra parrocchia. Dopo la visita nelle case, si svolgerà, tempo permettendo, un grande gioco nei giardini della zona della Stazione Veneta. Alla fine della mattinata pranzo dei bambini e ragazzi in parrocchia. L’iniziativa di quest’anno è dettagliatamente presentata in una Lettera del Parroco che sarà distribuita nei prossimi giorni nelle zona interessata.

Confessioni di Pasqua: Martedì 31 Marzo dalle 16 alle 19.30. Mercoledì 1 Aprile dalle 16 alle 18. Giovedì 2 Aprile dalle 16 alle 18. Venerdì 3 Aprile dalle 9 alle 12; dalle 16 alle 18. Sabato 4 Aprile dalle 9 alle 12; dalle 16 alle 18.

Sabato 25 e Domenica 26 Aprile si svolgerà la Due giorni parrocchiale (volantino a parte).

V DOMENICA di quaresima anno B – 22 marzo

LETTURE
Antifona d’ingresso
Fammi giustizia, o Dio, e difendi la mia causa
contro gente senza pietà;
salvami dall’uomo ingiusto e malvagio,
perché tu sei il mio Dio e la mia difesa. (Sal 43,1-2)
Dal libro del profeta Geremia 31,31-34 

Ecco, verranno giorni – oracolo del Signore –, nei quali con la casa d’Israele e con la casa di Giuda concluderò un’alleanza nuova. Non sarà come l’alleanza che ho concluso con i loro padri, quando li presi per mano per farli uscire dalla terra d’Egitto, alleanza che essi hanno infranto, benché io fossi loro Signore. Oracolo del Signore.
Questa sarà l’alleanza che concluderò con la casa d’Israele dopo quei giorni – oracolo del Signore –: porrò la mia legge dentro di loro, la scriverò sul loro cuore. Allora io sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo. Non dovranno più istruirsi l’un l’altro, dicendo: «Conoscete il Signore», perché tutti mi conosceranno, dal più piccolo al più grande – oracolo del Signore –, poiché io perdonerò la loro iniquità e non ricorderò più il loro peccato.

 

SALMO 50: Crea in me, o Dio, un cuore puro.

Pietà di me, o Dio, nel tuo amore;
nella tua grande misericordia
cancella la mia iniquità.
Lavami tutto dalla mia colpa,
dal mio peccato rendimi puro.

Crea in me, o Dio, un cuore puro,
rinnova in me uno spirito saldo.
Non scacciarmi dalla tua presenza
e non privarmi del tuo santo spirito.

Rendimi la gioia della tua salvezza,
sostienimi con uno spirito generoso.
Insegnerò ai ribelli le tue vie
e i peccatori a te ritorneranno.

Dalla lettera agli Ebrei  5,7-9

Cristo, nei giorni della sua vita terrena, offrì preghiere e suppliche, con forti grida e lacrime, a Dio che poteva salvarlo da morte e, per il suo pieno abbandono a lui, venne esaudito.
Pur essendo Figlio, imparò l’obbedienza da ciò che patì e, reso perfetto, divenne causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono.

Canto al Vangelo (Gv 12,26)
Lode e onore a te, Signore Gesù!
Se uno mi vuole servire, mi segua, dice il Signore,
e dove sono io, là sarà anche il mio servitore.
Lode e onore a te, Signore Gesù!

Dal Vangelo secondo Giovanni 12,20-33

In quel tempo, tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa c’erano anche alcuni Greci. Questi si avvicinarono a Filippo, che era di Betsàida di Galilea, e gli domandarono: «Signore, vogliamo vedere Gesù».
Filippo andò a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo andarono a dirlo a Gesù. Gesù rispose loro: «È venuta l’ora che il Figlio dell’uomo sia glorificato. In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna. Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno serve me, il Padre lo onorerà. Adesso l’anima mia è turbata; che cosa dirò? Padre, salvami da quest’ora? Ma proprio per questo sono giunto a quest’ora! Padre, glorifica il tuo nome».
Venne allora una voce dal cielo: «L’ho glorificato e lo glorificherò ancora!».
La folla, che era presente e aveva udito, diceva che era stato un tuono. Altri dicevano: «Un angelo gli ha parlato». Disse Gesù: «Questa voce non è venuta per me, ma per voi. Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori. E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me». Diceva questo per indicare di quale morte doveva morire.

Comments are closed.